Psicolinguistica, Sociolinguistica, Glottodidattica.

Psicolinguistica, Sociolinguistica, Glottodidattica.

Autore: 

Torino, UTET Libreria, 1999

Quest’opera è stata scritta dall’autore in una prospettiva non solo italiana, ma anche europea. Alla luce di una precisa scelta europea di promuovere il plurilinguismo, e dunque l’insegnamento delle lingue lungo tutto l’arco della scolarità, l’autore propone un volume per la formazione dell’insegnante di lingue europeo, che riassume il lavoro di ricerca e impegno dell’autore stesso fin dagli anni ‘60.

Come già il titolo preannuncia, le conoscenze provenienti dalla psicolinguistica, dalla sociolinguistica e dalla glottodidattica si rivelano essenziali per l’insegnante di lingue e di lettere. I primi due capitoli sono di carattere psicolinguistico ed affrontano lo sviluppo del linguaggio nel bambino con uno stile tanto chiaro e puntuale quanto affascinante per il lettore: si ripercorrono dunque le fasi di sviluppo linguistico infantile, dal primo vagito alla conquista della comunicazione verbale, mettendone in luce i diversi aspetti (grammaticale, lessicale, comunicativo…).

Il terzo, il quarto e il quinto capitolo hanno un’impronta sia sociolinguistica sia psicolinguistica. Partendo dalla constatazione di un plurilinguismo sempre più diffuso e dalla descrizione del repertorio linguistico che il cittadino italiano-europeo deve possedere, autore sottolinea il crescente bisogno di imparare le lingue straniere fin dalla tenera età, descrivendo sapientemente i principi e le teorie psicolinguistiche che spiegano i meccanismi di acquisizione o apprendimento delle lingue. Gli ultimi due capitoli sono di natura glottodidattica e contribuiscono a rendere operative le considerazioni dei capitoli precedenti. Vengono così enucleati le finalità e gli obiettivi della glottodidattica, le linee-guida per la programmazione didattica, le tecniche per sviluppare sia la comprensione sia la produzione linguistica degli studenti, facendo anche attenzione alla competenza grammaticale. Come modello operativo viene proposta l’unità didattica, adattata e modificata a seconda dell’età e delle esigenze dei destinatari. L’opera di Giovanni Freddi è particolarmente interessante perché racchiude in sé i risultati di anni di ricerca e sperimentazioni nell’ambito della glottodidattica, offrendo così un buono strumento per la formazione degli insegnanti di lingue e di lettere in una prospettiva europea.

daloiso@unive.it
Università di Venezia

Laboratorio Itals newsletter

Iscriviti per rimanere sempre informato sui nostri corsi e le nostre Attivitá

Abbonamento a Laboratorio Itals newsletter feed

Contatti

Per informazioni contattaci ai seguenti recapiti


Per informazioni sui Master: