Bollettino Itals Settembre 2015

Settembre 2015
 
Supplemento alla rivista EL.LE - ISSN: 2280-6792
Direttore Responsabile: Paolo E. Balboni
Cari lettori,

di seguito presentiamo i contenuti del n. 60 del Bollettino Itals.

Ad aprire il numero è un articolo, da noi tradotto dall’inglese, di Aneta Pavlenko (Philadelphia, Stati Uniti), che traccia le differenze, specie per quanto riguarda la ritenzione delle informazioni in memoria, tra l’imparare le lingue in immersione e impararle all’interno di un’aula.

Segue la progettazione di un percorso di didattica dell’italiano nel contesto della visita al museo (Nicoletta Martini, Dolo, Venezia)

Esperienza inedita nella didattica dell’italiano (e forse anche in altre lingue) è quella realizzata da Maximilian Magrini Kunze e Davide Martini (Madrid): la creazione di un blog di approfondimento di un manuale didattico (Domani, Alma Edizioni) con spunti, osservazioni, integrazioni che possono essere condivisi dagli utenti della rete e su cui possono intervenire gli stessi.

Chiudono il numero cinque attività didattiche. Le prime tre sono relative alla didattica dell’italiano:  

  • la prima, di Annamaria Sabetta (Amsterdam), ha lo scopo di far disambiguare la pronuncia di due sequenze fonetiche simili, che si rendono, nella scrittura, attraverso le sillabe “gni” e “ni”;
  • la seconda, di Marco Zanini (Lima), costituisce un esempio efficace di info gap, applicato alla fase di presentazione dei partecipanti tra loro a inizio corso;
  • la terza, di Anna Nencioni (Salamanca), disvela un interessante percorso di perlustrazione della prima pagina di testi letterari.

Le ultime due attività, invece, benché si riferiscano a esperienze di insegnamento di altre lingue (rispettivamente, francese e spagnolo), sono facilmente adattabili anche al contesto dell’italiano L2/S (in oltre dieci anni di storia, il Bollettino Itals si apre così, per la prima volta, a esperienze metodologiche elaborate in seno alla didattica di lingue diverse dall’italiano: è un auspicio a declinare il concetto di “multilinguismo” alla formazione degli insegnanti!):

  • la quarta attività ha lo scopo di attivare attraverso un testo poetico un reimpiego del lessico, all’interno di una atmosfera suggestopedica; porta la firma di Valentina Gennaro e Melania Battaglia (Ragusa);
  • la quinta ha, alla pari, lo scopo di un reimpiego lessicale; forti sono le reminiscenze al Total Physical Response e ben pensata è la cornice ludica; le autrici sono: Elisangela Cotto, Rosaria Nicotra, Chiara Pendolino (Ragusa).

 

Il numero si chiude con varie recensioni.

Auguriamo una buona lettura

 

La redazione 



Sommario

Laboratorio Itals newsletter

Iscriviti per rimanere sempre informato sui nostri corsi e le nostre Attivitá

Abbonamento a Laboratorio Itals newsletter feed

Contatti

Per informazioni contattaci ai seguenti recapiti


Per informazioni sui Master:

Per rimanere sempre aggiornati

Trovaci nei social network e seguici