Bollettino Itals Settembre 2008

Settembre 2008
 
Supplemento alla rivista EL.LE - ISSN: 2280-6792
Direttore Responsabile: Paolo E. Balboni
Cari lettori,

il n XXVI del Bollettino Itals è un monografico sul tema dell’insegnamento della lingua italiana nell’Europa balcanico-danubiana (o del sud-est) a cura di Lorenzo Guglielmi.
 

Balcani

Apre Lorenzo Guglielmi con un’introduzione alla Penisola Balcanica densa di coordinate storico-culturali, geografiche, antropologiche e linguistiche ad uso degli insegnanti di italiano L2 e LS.

 

Macedonia

Kristina Ljubisavljević descrive un progetto di scambio scolastico tra il Liceo “Sveti Kliment” di Ohrid (Macedonia, ex Jugoslavia) e il Liceo di Galatina nel Salento. Il tema del confronto interculturale è il nucleo di questo progetto educativo.

 

Serbia

Danijela Đorović (Facoltà di Filosofia, Università di Belgrado), Katarina Zavišin (Liceo III sezione bilingue serbo-italiano, Belgrado)  e Lorenzo Guglielmi (ITALS - scuola Scudit Belgrado) riportano un’analisi del Concorso di lingua italiana, quest’anno giunto alla II edizione, nel quadro del più ampio Concorso nazionale di lingue straniere per le scuole medie-superiori della Serbia.

Danijela Đorović, in un secondo articolo, stende un bilancio del primo esperimento di pianificazione dell’apprendimento autonomo della lingua italiana condotto presso la Facoltà di Filosofia con un piccolo gruppo di studenti e ispirato alle linee guida di un progetto intrapreso negli anni ’90 presso l’Università di Helsinki.

Zorica Prnjat (Università BK, Belgrado) e Lorenzo Guglielmi illustrano un modello  di unità didattica CLIL, sperimentata presso la Facoltà di Scienze bancarie e Economia e commercio di Belgrado.

Alessandra Genovesi (Università BK, Facoltà di Scienze bancarie eD Economia e commercio, Niš)  prende in analisi l’esperienza di introduzione di un corso di italiano “per affari” presso la Facoltà di Scienze Bancarie ed Economia e Commercio dell’Università Braća Karić. 

In un secondo articolo di carattere storico-culturale, Alessandra Genovesi ci parla di un microcosmo ai più sconosciuto: la presenza di famiglie italiane nel sud della Serbia, giunte sul finire dell’Ottocento con la costruzione della ferrovia Belgrado-Niš.

Lorenzo Guglielmi presenta due articoli sul tema della lingua madre dello studente serbo e del transfer nell’apprendimento dell’italiano LS. Nel primo si approfondiscono alcune possibili differenze interne alla L1 – a seconda dell’influenza esercitata dal croato (che si distingue dal serbo anche per il fatto di condividere un numero maggiore di aspetti di similarità tipologica con la lingua italiana). Nel secondo si prendono in analisi alcuni fenomeni di transfer legati alle differenze tra la L1 e l’italiano LS nel sistema verbale (serbo e croato), illustrando alcune proposte di attività di rinforzo e recupero. 

 

Croazia

Sandra Mardesić e Nada Županović (Facoltà di Filosofia, Dipartimento di Italianistica, Università di Zagabria) espongono uno studio linguistico comparativo sui nomi di parentela (singenionimi) in croato e in italiano come espressione di un diverso modo di articolare la realtà.

 

Bosnia-Erzegovina

Francesca Rolandi e Lorenzo Guglielmi, considerano il fenomeno della crescita della domanda e dell’offerta di lingua italiana in Bosnia-Erzegovina, attraverso i casi dei quattro centri urbani principali: Sarajevo, Banja Luka, Tuzla e Mostar.

Seguono varie recensioni

Vi auguriamo una proficua lettura,

La redazione 



Sommario

Riflessioni ed esperienze didattiche

Recensioni

Laboratorio Itals newsletter

Iscriviti per rimanere sempre informato sui nostri corsi e le nostre Attivitá

Abbonamento a Laboratorio Itals newsletter feed

Contatti

Per informazioni contattaci ai seguenti recapiti


Per informazioni sui Master:

Per rimanere sempre aggiornati

Trovaci nei social network e seguici